Venerdì a Giubiasco

Ecco i giochi di società a cui abbiamo giocato venerdì sera presso la sede di Giubiasco:
– Go
– Alta tensione
– Splendor
– Warhammer 40’000

§ Go
Il go è un gioco da tavolo strategico per due giocatori. Ebbe origine in Cina, dove è giocato da almeno 2500 anni. È molto popolare in Asia orientale e si è diffuso nel resto del mondo negli ultimi anni.
Di recente si è molto parlato di questo gioco grazie a Google che ha sviluppato un’intelligenza artificiale, chiamata AlphaGo, che è riuscita a battere Lee Sedol, il secondo giocatore più forte a livello mondale.

§ Warhammer 40’000
È un gioco di miniature incentrato su un’ambientazione che prende ispirazione da numerosi stereotipi della narrativa fantascientifica e avventurosa.
Le miniature rappresentano soldati, creature e macchine da guerra e le varie fazioni si scontrano in epiche battaglie.

Uno sguardo al 2015

Il 2015 verrà ricordato per i giochi da tavolo “usa e getta”. Due dei titoli più quotati hanno queste caratteristiche, nel senso che diventano ingiocabili una volta finita l’appassionante esperienza. Stiamo parlando di Pandemic Legacy e T.I.M.E Stories. La casa editrice Asterion Press ha deciso di localizzarli entrambi in italiano, facendo un enorme favore agli italofoni. Sono entrambi dei cooperativi e richiedono più sedute per essere conclusi. State attenti agli spoiler per evitare di rovinarvi l’esperienza.

Il 2015 è stato anche l’anno della rivincita dei giochi impegnativi. Dopo la fiera di Essen 2014, gli amanti dei giochi di strategia erano rimasti un po’ delusi. Non era uscito nulla di realmente accattivante per loro. La fiera di Essen 2015 invece ha portato alla ribalta parecchi titoli del genere degni di lode:
Mombasa (Uwe? Feld? No, Alexander Pfister)
Food Chain Magnate (l’anno della consacrazione alla grande massa degli Splotter)
Nippon (lo stile portoghese piace)
The Gallerist (Lacerda ha sempre più fan)
Signorie (Chiarvesio e Zizzi ci hanno preso gusto)
Through the Ages (la nuova edizione del capolavoro di Vlaada)
Trickerion (lo si può considerare del 2016)

È stato un anno che ha offerto anche diversi giochi di media difficoltà molto belli e avvincenti:
Sulle Tracce di Marco Polo (Luciani e Tascini sono una garanzia)
Isle of Sky (vi ricordate di Pfister?)
Shakespeare (la Ystari merita sempre attenzione)
7 Wonders: Duel (il gioco da 2)
Discoveries (il cugino minore di Lewis & Clark)
Elysium (dopo Splendor, la Space Cowboys ci offre questo)

Per gli amanti dei giochi leggeri, il 2015 verrà ricordato come l’anno di Nome in Codice. È impressionante il successo che ha avuto. Oltre a questo, sono usciti anche:
Celestia (la versione più bella di Cloud 9)
Mysterium (Il Sesto Senso)
Loony Quest (è come giocare a un videogame in 2D)
Insoliti Sospetti (scorretto all’inverosimile)
Mafia de Cuba (l’ultima variante tra i giochi di bluff)
The Game (gioco di carte cooperativo)
The Grizzled (l’ultima opera dell’illustratore Tignous, morto nell’attentato alla sede di Charlie Hebdo)

Infine, anche per gli appassionati dei giochi tematici sono usciti vari titoli interessanti:
Blood Rage
Forbidden Stars
Star Wars: Armada
XCOM
Cthulhu Wars
Kingdom Death: Monster

Buon 2016 a tutti e buon gioco.

Tabletopia: i giochi da tavolo nel mondo digitale

È in arrivo una piattaforma digitale per giochi da tavolo con più di 100 titoli. Tabletopia non sarà una vera rivoluzione per i giocatori online, dato che esistono già altri siti più che validi dove poter divertirsi con altri utenti (boardgamearena.com, brettspielwelt.de, yucata.de, boiteajeux.net), ma alzerà sicuramente l’asticella della qualità di questi siti.
Il progetto è anche molto interessante per gli autori e le case editrici, dato che sarà più semplice playtestare le nuove uscite, prima di proporle nel mercato ludico.
Il kickstarter è iniziato pochi giorni fa. I primi obiettivi sono già stati raggiunti. Non ci resta dunque che attendere gli sviluppi e goderci questa interessante novità.

Video di presentazione: qui.

Tales of the Arabian Nights in italiano

La casa editrice giochix.it sta tastando il terreno per capire se c’è interesse in un’edizione in italiano del gioco da tavolo Tales of the Arabian Nights.
Di che cosa si tratta? Di un gioco nel quale i partecipanti vivono in prima persona una delle storie di Le mille e una notte. Si legge tanto, per questo disporre del titolo in italiano sarebbe una fortuna.
La campagna per la raccolta dei fondi sperabilmente inizierà a metà settembre.

Fonte: giochistarter.

È ticinese il campione svizzero di Agricola

Il nostro Gabri è riuscito a imporsi al campionato svizzero di Agricola che si è tenuto alla Festa del gioco di Martigny. Dopo il quarto posto dell’anno scorso a Lugano, un bel passo in avanti. Tristana si è piazzata a un onorevolissimo quarto posto. Non è riuscita a ripetersi dopo la vittoria dell’anno scorso sempre a Martigny, ma si è dimostrata come sempre una temibile avversaria.
Congratulazioni ad entrambi per i risultati ottenuti e – in caso – in bocca al lupo per i mondiali a Vienna.

Il Corriere del Ticino ha parlato della loro impresa e della loro passione per Agricola, sia a livello cartaceo che online (qui).

Il ritorno del Samurai

È uno dei migliori giochi di media difficoltà in circolazione. Regole semplici da apprendere, ma titolo profondo. Stiamo parlando di Samurai di Reiner Knizia.
La casa editrice Fantasy Flight Games continua a proporre grandi classici del passato. E lo fa in grande stile. L’uscita del gioco è prevista per l’ultima parte dell’anno.

Fonte: Fantasy Flight Games.